Dic 24, 2016 - Recensioni    No Comments

La casa per bambini speciali di Miss Peregrine

Sono in ritardissimo, lo so. E pensare che ho letto questo libro ad Agosto! Sono scandalosa!
Mi ero ripromessa di fare una recensione per questo libro prima della sua uscita al cinema, ma per una serie di cose non ce l’ho fatta. Quindi eccomi qui, alla Vigilia di Natale, a scrivere per voi una recensione.
Il libro di cui voglio parlarvi è La casa per bambini speciali di Miss Peregrine di Ransom Riggs. Il libro ha già avuto una trasposizione cinematografica per mano di Tim Burton, ed è attualmente nelle sale.

_lacasaperbambinispecialidimissperegrine_1320444533

Partiamo dal fatto che ne avevo sentito parlare benissimo, e sapevo che ne avrebbero tratto un film.  Quindi spinta dalla critica positiva e dall’acclamazione per questo best seller internazione mi sono ripromessa di leggere il libro prima dell’uscita del film.
Ora, non so se io abbia fatto bene a portarmelo in vacanza al mare, visto che solitamente tratto i miei libri “vacanzieri” un po’ male, riempiendoli di sabbia, bagnandoli con acqua salmastra e dedicando spesso e volentieri le giuste attenzioni.
Tuttavia, considerando il contenuto della storia, forse la mia non è stata una scelta così stupida. Ma andiamo con ordine.

La trama di questo libro parla di Jacob, un ragazzino la cui età non è facilmente intuibile dalla lettura; il quale decide di indagare sul passato del nonno che aveva la passione di raccontargli delle strane storie su un orfanotrofio, popolato da un gruppo di bambini speciali che possedevano straordinarie capacità. Spinto dalla curiosità e da una serie di fatti che gli accadono all’inizio del libro, Jacob sarà costretto a recarsi sulla famosa isola, per scoprire la verità sulle storie e sul passato del nonno.

L’idea di base è stimolante e potenzialmente interessante, peccato che il modo in cui viene trattato lo svolgimento lascia a desiderare. Si percepisce subito un alone di mistero, anche grazie alle fotografie che alternano il testo, il quale però viene a mancare quasi subito, a causa delle azioni spesso veloci, prive di descrizione e troppo snelle.
L’autore non si sofferma abbastanza sui personaggi, sulle scene e tanto meno sulle conseguenze. Ciò fa inevitabilmente perdere interesse al lettore, e rallenta quindi il ritmo del libro e dell’avventura.

È inevitabile sentire il richiamo agli X-men o ad Harry Potter per una serie di componenti chiave del libro, se non fosse che questi due mondi sopra citati siano mille volte meglio strutturati di questo libro. Autore! Se ti ispiri almeno fallo bene!

Parlo proprio dal punto di vista dei personaggi. Ce ne sono molti, ma anche se cerco di rimanere attenta e seguire i personaggi principali sento che mi manca qualcosa.
Jacob appare abbozzato, superficiale, compie scelte alla leggera e non sembra risentire delle conseguenze delle sue azioni. Appare sfuggente, in cui è difficile alla fine immedesimarsi e quindi perde automaticamente di interesse. Lo stesso destino purtroppo viene riservato anche gli altri personaggi, dai secondari agli antagonisti.

Lo stile è breve, coinciso ma povero. Almeno è coerente dall’inizio alla fine del libro, e non ci sono momenti in cui risulta di difficile comprensione. La struttura delle scene è lineare, seppur fantastica, diventa a tratti prevedibile. Se si sopravvive alle prime cento pagine, verso la fine lo svolgimento si fa quasi più avvincente e dinamico. L’ambientazione ha una serie di punti chiave – che non vi dirò per evitare spoiler – sulla quale l’autore avrebbe potuto insistere maggiormente. Avrebbe potuto insistere maggiormente un po’ su tutto, ma se avesse avuto quanto meno la decenza di soffermarsi sui punti di forza dell’ambientazione, sicuramente ne sarebbe uscito qualcosa di meglio.

Se dovessi cercare un punto a suo favore potrei dire che il potenziale cinematografico è alto: le scene sono evocative, quindi potrebbe rappresentare uno dei pochi casi in cui il film supera di gran lunga il libro. Per cui ora vi lascio qui sotto il trailer, e se qualcuno andrà a vederlo, magari potrà dirmi che ne pensa!

Voto Finale: ★★☆☆☆ 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!